LA CAPSULA STELVIN

I VINI INNOVATIVI,
SONO I PIU "SVITATI"





Stelvin - jermann.it

Facciamo un gioco: un passo indietro nel tempo.

Siamo negli anni ’70 e parlare di “blend” sembra infrangere un tabù. Eppure un giovane Sylvio Jermann, va contro tutte le logiche. Immagina e crea un uvaggio inedito, assemblando con cura e creatività uve di Sauvignon, Chardonnay, Malvasia Istriana, Ribolla Gialla e Picolit. Non gli basta. Dà anche all’uvaggio un nome fuori dagli schemi, e lo chiama Vintage Tunina, ispirandosi al nomignolo di una “amante povera” di Giacomo Casanova.

Passano gli anni. L’annata 2015 ha segnato il compimento del primo quarantennale del Vintage Tunina, un traguardo che dimostra quanto questo vino si confermi oggi l’emblema dell’azienda Jermann.

Nel 2016, Vintage Tunina viene giudicato il più grande vino bianco italiano nel mondo. 

Ma quindi, cosa significa innovare? In gran parte significa rimettere in discussione cose che tutti danno per scontate. E rivoltarle, come calzini.

Non solo. Nel 1996/97, il tappo in sughero è ancora il metodo di chiusura delle bottiglie ereditato dai secoli in cui i vigneron francesi rifornivano il Papato. Ma Sylvio sa che il tempo corre, e che il mondo continua sì a girare su se stesso, ma è più piccolo di quello che sembra.

Lo sa perché viaggia e riflette. E perché i suoi vini sono apprezzati negli Usa e dovunque.

Da  uomo visionario ma pragmatico si domanda allora: “cosa succede se rompo un altro tabù e sigillo con una capsula Stelvin una bottiglia del mio migliore vino?”

Ed ecco che il tappo a vite rende Vintage Tunina, e Dreams e Red Angel e gli altri vini Jermann ancora più “svitati”.

Lo conferma pure la storica verticale tenutasi a Roma nel 2016, in cui il Vintage Tunina con capsula Stelvin del 1997 viene giudicato “perfetto” anche per la perfetta conservazione di profumi e fragranze, dovuta alla capsula.

Certo, come sempre, Sylvio ha scelto di utilizzare un grande partner: Stelvin, il miglior tappo a vite disponibile, ma la scelta è stata lungimirante e premiante tanto che la capsula Stelvin oggi sigilla tutta la produzione Jermann, garantendo agli appassionati di tutto il mondo la migliore esperienza degustativa possibile di ogni bottiglia che esce dalle cantine di Villanova e di Ruttars.

I VINI JERMANN